Primo Semestre 2021 del noleggio auto

Primo Semestre 2021 del noleggio auto mostra un netto miglioramento rispetto al 2020 ma è ancora lontano dai livelli pre-crisi.

I dati del primo semestre 2021 del noleggio auto mostrano il settore in netto miglioramento rispetto al 2020 ma ancora in affanno rispetto al 2019. Secondo quanto rilevato da Dataforce, infatti, le immatricolazioni nel noleggio a lungo termine sono aumentate del 57,33% e nel noleggio a breve termine del 21,34%. Il confronto col 2019 mostra invece che le immatricolazioni nel NLT sono inferiori di 17,04% e nel NBT inferiori di 56,61%.

 

 

Noleggio a Lungo Termine

Il noleggio a lungo termine mostra senz’altro un netto miglioramento rispetto al 2020 ma, come pocanzi accennato, è ancora lontano dai livelli del 2019. I dati del primo semestre 2021 del noleggio auto a lungo termine mostrano 151.674 immatricolazioni, segnando +57,33% rispetto al 2020 e – 17,04% rispetto al 2019.

Rispetto al 2019, ad arrancare sembra il segmento Top (ALD,Arval,Leaseplan …) che da solo rappresenta storicamente il 50% dell’intero canale del NLT. Il Top registra, infatti, un calo del 21,84% di immatricolazioni mentre il segmento Captive, quello delle case produttrici (Leasys, Mercedes, Toyota), presenta un calo del  9,74%.

Per quanto riguarda il mese di giugno, il confronti fra i diversi canali di distribuzioni mostra che solo il noleggio a lungo termine e le auto-immatricolazioni hanno fatto progressi nei confronti dello stesso mese del 2020. Il dato relativo al NLT conferma, pertanto, che è la formula di acquisizione più adatta a un periodo di grande incertezza economica come quella che viviamo.

Le previsioni sul 2021 sono in linea con quelle del primo trimestre. Con una distanza del’8% rispetto al 2019, mostrano che il 2021 sarà ancora un anno di rodaggio per il settore.

 

 

Noleggio e breve termine

Come nel caso del noleggio a lungo termine, il primo semestre 2021 del noleggio auto a breve termine mostra un dato positivo rispetto al 2020 e uno negativo rispetto al 2019. Nel 2021 sono state immatricolate 63.472 autovetture segnando + 21,34% rispetto al 2020 e – 56,61%.

Tutti i segmenti mostrano un calo superiore al 50% rispetto al 2019. Va però detto che c’è un maggior recupero rispetto a quanto performato nel primo trimestre. Se nel primo trimestre 2021 il confronto col quello del 2019 mostrava – 63,87% ora il gap si è ridotto a – 56,61%. Lo spostamento potrebbe essere dovuto a una ripresa del turismo e dei viaggi per affari come testimoniato dai dati dell’Osservatorio Uber Mobilità e Turismo che dicono che sono aumentati del 106% il numero di viaggiatori stranieri in Italia.

Malgrado il tendenziale appena registrato, le previsioni per il 2021 mostrano, comunque, una situazione in lievissimo peggioramento con un differenziale del 59,1% rispetto al 2019.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.