Il 2018 del Bike sharing in Italia. Settore in evoluzione

Il 2018 del Bike sharing in Italia presenta un settore in evoluzione. Diminuiscono le flotte aumentano i noleggi.

Il 2018 del Bike sharing in Italia presenta un settore in evoluzione. Leggendo i dati dell’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility  il 2018 è stato un anno comunque positivo dopo il boom del 2017.

Il 2017 aveva registrato un vero e proprio boom in termini di flotta. Erano, difatti, aumentate del 147% per merito dell’ingresso sul mercato italiano degli operatori free floating (noleggi privi di stalli per il ritiro e la riconsegna) cinesi di Mobike, Ofo e Obike. Il 2018  del bike sharing in Italia, invece, si è contraddistinto per una leggera contrazione della flotta, a causa proprio del ritiro o del fallimento di alcuni operatori free floating come nel caso di Obike. La flotta è passata dai circa 40000 del 2017 a circa 35000 nel 2018.

 

Il 2018 del Bike sharing in Italia:  crescono i noleggi

 

Malgrado la contrazione della flotta, sono aumentati i numeri di noleggi/anno. Secondo le città campione di Milano, Torino e Bergamo, oltrepassano la soglia dei 9 milioni. Il noleggio free floating acquista posizioni rispetto allo station based (ritiro e riconsegna presso gli appositi stalli) passando dal 33% del totale nel 2017, al 50% del totale nel 2018. Viceversa lo station based registra una contrazione del 15%.

 

A un primo sguardo il dato potrebbe portarci a concludere che la formula del free floating sia preferita a quella dello station based. Ma a un secondo sguardo, più attento, scopriamo che il numero degli iscritti allo station based, delle suddette città campione, è aumentato. A dimostrazione che al momento il free floating va a integrare la formula dello station based, offrendo un ventaglio di soluzioni diverse all’utente.

 

 

Il free floating è un servizio che spesso viene criticato per colpa della negligenza degli utenti che spesso lasciano le biciclette in giro in maniera selvaggia. In Cina, dove è nato, non sono mancati i detrattori del servizio che lamentano marciapiedi e strade invase da biciclette. In Italia, però sta crescendo in maniera piuttosto ordinata. Sono aumentati i comuni che adottano questa tipologia di servizio. Nel 2017 erano 7, nel 2018 sono passate a 8 e infine nel 2019 a 10.

 

 

In particolare è la cinese Mobike a svolgere un ruolo di apripista presso le città medio piccole come Pesaro, Reggio Emilia e Mantova. Complice la gestione dell’attività italiana di Mobike da parte della milanese Idri bk che, addirittura, dal Novembre 2019 ne ha rilevato l’attività per tutto il Sud Europa.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.