DoorDash sbarca in borsa

DoorDash sbarca in borsa quotandosi a New York col simbolo DASH. La società di San Francisco leader nel delivery food ha presentato venerdì il suo prospetto IPO alla Securities and Exchange Commission.

L’azienda fondata dal cinese Tony Xu nel 2012 a Palo Alto in California,nel corso degli anni ha macinato diversi successi. Nella più classica delle narrative delle start-up hi-tech, DoorDash è partita con un finanziamento 120.000 dollari dall’acceleratore YCombinator. Col tempo l’azienda è cresciuta sino a diventare leader di mercato. Secondo una ricerca di Edison Trends, DoorDash detiene attualmente la quota maggiore del mercato delle consegne di cibo, con il 48%.

A oggi il suo fatturato da Gennaio a Settembre del 2020 è stato di 1,9 miliardi di dollari. Nello stesso periodo del 2019 era di 587 milioni di dollari. Man mano che le sue entrate sono aumentate, DoorDash ha anche ridotto la sua perdita netta a $ 149 milioni. Nello stesso periodo del 2019, la perdita netta era di $ 533 milioni.

L’azienda ha dichiarato di avere 1 milione di Dasher (addetti alle consegne) e più di 18 milioni di clienti. Ha avuto anche oltre 5 milioni di clienti sul suo servizio DashPass. Si tratta di un abbonamento da $ 9,99 al mese che offre ai clienti la consegna gratuita dai ristoranti parte del circuito.

3 classi di azioni

 

DoorDash sbarca in borsa e lo fa offrendo tre classi di azioni con diverse azioni di voto. Le azioni ordinarie di Classe A assegneranno un voto per azione. Le azioni di Classe B avranno 20 voti per azione e le azioni di Classe C non avranno diritto di voto.

Offrire più classi di azioni è diventata una pratica comune nella Silicon Valley. Capita soprattutto quando l’amministratore delegato è anche un fondatore, come nel caso di Tony Xu. Il prospetto dice che Xu ei suoi due co-fondatori, Andy Fang e Stanley Tang, dovrebbero stipulare un accordo di voto che darebbe a Xu l’autorità di “dirigere il voto e votare le azioni” delle azioni di Classe B detenute dai suoi co-fondatori .

Il documento afferma che: “Di conseguenza, il signor Xu sarà in grado di determinare o influenzare in modo significativo qualsiasi azione che richieda l’approvazione dei nostri azionisti, inclusa l’elezione del nostro consiglio di amministrazione, l’adozione di modifiche al nostro certificato di costituzione e statuto e l’approvazione di qualsiasi fusione, consolidamento, vendita di tutte o sostanzialmente tutte le nostre attività o altre importanti transazioni aziendali “.

 

Presente e futuro

 

Come tutte le altre società della Gig economy, anche DoorDash è stata travolta dalla legge AB5 della California. la quale richiede che i driver vengano trattati come dipendenti. In tal senso DoorDash assieme a Uber e Lyft è impegnata nella campagna “Yes on 22” per sostenere la misura elettorale della Proposition 22 che avrebbe esentato le società di gig economy dalla suddetta AB5.

Guardando al futuro, invece, DoorDash sostiene che le tecnologie di consegna autonome e con i droni potrebbero avere un impatto significativo sul settore della consegna di cibo. L’anno scorso ha collaborato con la Cruise Automation di GM per testare la consegna di cibo con veicoli autonomi a San Francisco.

“Abbiamo investito e ci aspettiamo di continuare a investire in ricerca e sviluppo relative a tecnologie di consegna autonome e di droni, direttamente o in partnership con aziende che sviluppano tali tecnologie”, secondo il prospetto. Non era chiaro dove sarebbero usciti tali consegne dai suoi “Dashers”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.