Come sanificare le cabine dei mezzi a noleggio

Igienizzare o disinfettare gli ambienti è un tema sempre più importante. Una breve guida su come sanificare le cabine dei mezzi a noleggio.

L’emergenza COVID-19 porta all’attenzione degli operatori di noleggio un’esigenza fondamentale, la sanificazione dei mezzi. O meglio dell’abitacolo, dove i clienti trascorrono la maggior parte del loro tempo. Per cui il quesito che molti pongono è: “come sanificare le cabine dei mezzi?” oppure “come sanificare l’abitacolo di auto?”

Molti operatori già da tempo hanno questo genere di attenzione verso i mezzi della loro flotta, ma per molti altri è una novità. I clienti che noleggiano un mezzo, che sia esso una macchina operatrice o un’automobile, trascorrono il tempo necessario per entrare in contatto con le diverse superfici che compongono la cabina o l’abitacolo del mezzo. Dalle ricerche sul COVID-19 vediamo come la persistenza del virus può durare alcuni giorni su plastiche e metalli.

 

 Come sanificare le cabine dei mezzi a noleggio?

 

Esistono diversi metodi, però i due principali sono lo spray di prodotti specifici o l’ozono. Anzitutto è buona norma svuotare l’abitacolo da tutti gli oggetti presenti, rimuovendo anche tappetini ed eventuali rivestimenti per lavarli separatamente. E’ anche consigliato rimuovere il filtro dell’aria dell’abitacolo e rimetterlo a sanificazione compiuta.

Bombolette spray

Compiute le suddette azioni preliminari, si può procedere a sanificare le cabine dei mezzi della nostra flotta. Se si usano prodotti specifici è bene verificare che riportino la dicitura “Presidio medico chirurgico 19440“. Questi prodotti solitamente sono venduti come bombolette spray ed è sufficiente spruzzarli sopra le superfici dell’abitacolo. Inoltre sono dotate di una valvola che, se premuta a fondo, lasciano aperta la bomboletta spray e questa compie da sola il suo processo di sanificazione dell’abitacolo.

La procedura consigliata è quella di:

  • chiudere completamente la cabina o l’abitacolo
  • lasciare il mezzo acceso o in folle col freno a mano tirato nel caso delle auto
  • aprire le bocchette del riscaldamento o dell’aria condizionata al massimo della potenza
  • mettere la bomboletta spray al centro della cabina o dell’abitacolo e premere fino in fondo

In questo modo lo spray spruzza il prodotto e grazie alle bocchette dell’aria si distribuisce uniformemente nell’abitacolo. Finito il processo e consigliabile lasciare l’abitacolo chiuso per un’altra mezz’ora o 20 minuti.

 

Ozono

L’ozono altro non è che una molecola formata da tre atomi di ossigeno, appunto O3.  Per utilizzarlo è necessario dotarsi di un particolare macchinario, detto ozonizzatore o generatore di ozono. Il macchinario aspira l’aria che viene purificata da una speciale lampada a raggi UV, la indirizza su una lastra di ceramica e attraverso una scarica elettrica la trasforma in ozono.

La procedura tramite ozono è tanto semplice quanto delicata. Occorre chiudere ermeticamente l’ambiente che si vuole sanificare e accertarsi che non ci siano materiali incompatibili con l’ozono. Statisticamente si calcola che 1 grammo all’ora di ozono sia indicato per circa 10 metri cubi a 20° di temperatura per sanificare l’ambiente in circa 30 minuti.

Essendo un gas è in grado di diffondersi bene su tutte le superfici delle cabine o abitacoli da sanificare. L’ozonizzatore è una macchina che non richiede di particolare manutenzione e non necessita di sostituzione filtri o altro, la lampadina ha una vita media di 21000 ore. I prezzi variano dalla potenza del macchinario. Per cui ozonizzatori che devono sanificare grosse superfici costeranno di più di quelli destinati a piccole superfici. In ogni caso facendo una breve ricerca su internet si va dai 60 euro a 1.700 euro per apparecchiatura.

Qui di seguito vi lasciamo un breve estratto video del professor Franzini andato in onda su Rai 2 nella trasmissione Petrolio sull’importanza dell’ozono per sanificare gli ambienti:

 

Al di là del momento particolare che ci rende tutti più sensibili verso certe tematiche, è bene comunque sottolineare l’importanza di un ambiente sano. Tanto nelle cabine dei mezzi d’opera quanto nell’abitacolo dell’auto possono annidarsi batteri di ogni genere o allergeni. Un’operazione del genere può essere un valore aggiunto sia nei confronti dell’utente finale sia nel buon mantenimento della flotta a noleggio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *