Mobilità del futuro e la rivoluzione dei Big Data.

In occasione dell’evento Business Mobility & Digital Revolution a Milano, Marco Girelli di Alphabet Italia e Alessandro Fontana di EY hanno parlato dell’impatto che avrà la rivoluzione digitale sulla mobilità del futuro.

La mobilità del futuro è destinata a cambiare nell’era del digitale. Si calcola che entro il 2020 saranno decine di miliardi di dispositivi connessi, gli utenti internet saranno 5 miliardi e il traffico dati crescerà a un tasso del 40% ogni anno.

Mercoledì 19/07/17, durante l’evento Business Mobility & Digital Revolution, nella splendida cornice della sede milanese di Eataly, si è parlato dei cambiamenti in atto nel settore della mobilità. L’evento ha coinvolto diversi fleet manager e rappresentanti di diverse realtà aziendali.  Sono intervenuti Marco Girelli, Sales & Marketing Director di Alphabet in Italia e Alessandro Fontana, Senior Manager Digital Enterprise Strategy di EY.

 

“Risulta fondamentale poter raggiungere l’utente nel momento giusto. Nel luogo giusto. Con il messaggio giusto”

 

“Il digitale impone a tutti, aziende B2B e B2C, di ripensare le proprie strategie mettendo il cliente al centro” – spiega Fontana – “Il cliente è cambiato. I collaboratori sono cambiati e con loro i bisogni delle aziende. Risulta fondamentale, quindi, poter raggiungere l’utente nel momento giusto. Nel luogo giusto. Con il messaggio giusto.”

Nel campo della mobilità assistiamo a diversi trend che sono destinati a cambiare totalmente il settore. L’urbanizzazione e la trasformazione delle metropoli in mega cities necessitano di una mobilità ecosostenibile. Cresceranno in numero le auto elettriche e le forme di utilizzo dei mezzi tramite car sharing e ride sharing. Le auto sono sempre più connesse, tra di loro e con il resto del mondo dell’IoT. La tecnologia semplificherà la vita del guidatore, saremo ad esempio aiutati da algoritmi e apposite APP nella ricerca del parcheggio o attraverso nuove forme di condivisione come il park sharing.

La mobilità del futuro sarà sempre più digitale, connessa, sostenibile e condivisa.

 

“Saremo sempre più aiutati da analytics e big data che tramite APP, pianificatori di viaggi e integratori di mobilità ci aiuteranno nei nostri spostamenti.” – afferma Girelli che aggiunge – “Alphabet sta lavorando su tutti questi fronti con i suoi prodotti innovativi, da AlphaElectric ad AlphaCity e Alphabet Mobility Services, la nostra APP a supporto dei driver.”

 

Mobilità del futuro e Big data
Marco Girelli

 

Alphabet conosce molto bene i mega trend che rivoluzioneranno il settore della mobilità. Si è, infatti, mossa per tempo 3 anni fa, lanciando Alphabet Mobility Services. Oggi il servizio conta oggi circa 12.000 utenti e oltre 400.000 interazioni. È best in class nel settore, non solo in Italia, grazie alle sue peculiarità:

  • Funzionale: è una app operativa che supporta il Driver in tutto il customer journey. Dalla consegna del veicolo alla possibilità di acquisto a fine contratto.
  • User Friendly: è semplice e intuitiva.
  • È perfettamente integrata con i sistemi operativi di Alphabet: consente di rispondere in real time alle richieste del Driver.
  • Self Service:tutti i servizi sono disponibili 24/7 con un semplice tap, in una esperienza completamente digitale.
  • Voice of Customer: survey dedicate e possibilità di assegnare un rating ai centri di assistenza la rendono anche uno strumento di ascolto attivo dei clienti, per un miglioramento continuo.
  • Informazione:FAQ, news, accesso a tutti i dati contrattuali, controllo real time del percorso del carroattrezzi e monitoraggio dello stato della riparazione, assicurano un costante allineamento tra fornitore e Driver.

 

Utilizzo consapevole dell’auto e minor costi

 

Durante l’incontro è stato presentato, inoltre, l’edizione 2017 di Alphabet & Me. Si tratta di un programma fedeltà che incentiva i Driver Alphabet ad adottare un atteggiamento più consapevole nell’utilizzo delle vetture.

Secondo uno studio ACI il 33% dei costi di mobilità dell’auto sono fuori dal canone di noleggio e ben il 55% di tali costi sono influenzati dallo stile di guida.

 

Mobilità del futuro

 

Adottare un atteggiamento più consapevole permette di ridurre i costi del parco macchine. In questo senso Alphabet ha scelto la formula del gaming per coinvolgere maggiormente l’utilizzatore finale e creare una forma di community.

“Il programma Alphabet & Me da tempo caratterizza la nostra offerta, tanto da essere diventato una best practice a livello europeo come strumento di massimizzazione del valore della relazione con il Cliente.” – dichiara Marco Girelli – “In questo nuovo contesto la logica del CLUB, che permette ai driver di usufruire di vantaggi esclusivi, è lo strumento migliore per riuscire a instaurare una relazione con essi.”

Il programma prevede quindi l’app per la gestione della vettura Alphabet Mobility Services ed inoltre la card Eataly utilizzabile per l’acquisto di prodotti o esperienze, in tutti i punti vendita italiani e nello store online.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *