La Sharing Economy spopola fra le startup !

Le stime dicono che nel 2025 la Sharing Economy varrà 570 miliardi. Ma, allo stato attuale, quante sono e quanto valgono le startup del settore nel mondo?

Il mondo delle startup è sempre affascinante. Sarà perchè sulle startup proiettiamo una serie di speranze e di sogni. Anche il mondo della Sharing Economy è affascinante proprio perchè è un settore nuovo e in crescita. Si stima che il settore nel 2025 varrà 570 miliardi nella sola Europa come avevamo analizzato un anno fa.

Che il mondo delle startup incontri quello della sharing economy è fisiologico. Il settore è in crescita e nascono quindi nuovi operatori.

 

Quante sono e quanto valgono le startup?

 

Secondo gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano, sono 195 le startup della sharing economy nel mondo con 4 miliardi di dollari investiti.

La flotta delle startup nostrane può contare addirittura su 26 aziende, circa il 13% del totale, ma con un capitale investito di appena 23 milioni di dollari pesando appena 0,58% degli investimenti. Forse quest’ultimo dato è indice di un mercato del capitale poco sviluppato.

Il dato sugli investimenti è fortemente influenzato da quelli fatti in Cina sui due maggiori operatori di bike sharing Mobike e Ofo. Le due startup hanno raccolto assieme il 55% degli investimenti a livello globale nelle startup raggiungendo 2,2 miliardi di dollari come avevamo analizzato in Bike sharing cinese: fallimento o svolta?

 

 

E in Italia come stannto le Startup della Sharing Economy?

 

In Italia le prime tre aziende sono Supermercato24,  ProntoPro e Moovenda.

  • Supermercato24 è l’app dedicata alla spessa on line con consegna a domicilio nell’arco delle 24 ore. La startup ha raccolto 5 milioni di dollari.
  • ProntoPro è il marketplace dedicato al mondo dei professionisti o delle prestazioni occasionali. Hanno raccolto 3.7 milioni di dollari.
  • Moovenda è l’app di consegna di cibo a domicilio. Hanno raccolto 2,2 milioni di dollari.

 

 

 

 

 

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *